Il 23 settembre ci sarà la fine del mondo?
A sentire David Meade, sì.
Siamo passati indenni al 21 dicembre 2012 ed ora ci ritroviamo con un’altra fine del mondo.
Perché?
Nel libro 2012 per curiosi dello scrittore Luca Coradduzza si legge che l’uomo, per sua natura, ha quella di “guardare al futuro con previsioni e profezie” ed ogni evento di difficile spiegazione viene interpretato a seconda del contesto nel quale vive, della cultura, della religione, delle credenze personali e fattori simili.

Passato il 2012, la paura e le profezie di fine del mondo erano tornate, infatti, con il passaggio della Cometa ISON, uno dei corpi celesti più enigmatici degli ultimi secoli.
Ma perché proprio il 23 dicembre 2017?
Nel libro di Isaia presente nella Bibbia, Vecchio Testamento, ai versetti 9 e 10 si legge:
“Ecco, il giorno dell’Eterno giunge: giorno crudele, d’indignazione d’ira ardente, che farà della terra un deserto, e ne distruggerà i peccatori. Poiché le stelle e le costellazioni del cielo non faran più brillare la loro luce; il sole s’oscurerà fin dalla sua levata, e la luna non farà più risplendere il suo chiarore”.
Il 23 settembre, dunque, sarebbe la data che si ricava da i ragionamenti che elencherò di seguito.
Secondo Meade, l’eclissi di sole del 21 agosto più la luna nera, cioè la seconda luna nuova in un mese sono i segnali.
Anche il numero 33 ha la sua parte in questa storia.
L’eclissi è cominciata in Oregon, 33° stato americano ed è terminata al 33° grado di Charleston. La Luna Nera, inoltre, si presenta ogni 33 mesi.
E se aggiungiamo il fatto che un’eclissi di sole totale non si verificava in America da 99 anni, ovvero 33 x 3, le cose sono ancora più chiare.
Per cui, contando 33 giorni dal 21 agosto, si ha, appunto, 23 settembre.
Ma cosa potrebbe accadere?
Terremoti e maremoti.
Nel versetto 13 si legge “Perciò farò tremare i cieli, e la terra sarà scossa dal suo luogo per l’indignazione dell’Eterno degli eserciti, nel giorno della sua ira ardente”.
Ma anche altre sono le ipotesi. Non le elencherò tutte. Se siete appassionati all’argomento potete leggere il libro prima citato “2012 per curiosi” il quale analizza tutto ciò che potrebbe causare la fine del mondo, dalle esplosioni solari, all’arrivo degli alieni, il tutto spiegato in maniera semplice e divertente secondo due punti di vista: quello dei complottisti e quello della scienza.
Anche un evento astronomico di elevata importanza potrebbe verificarsi in quella data: un allineamento planetario o, quello di cui tutti parlano, l’avvento del Pianeta X, più conosciuto come NIBIRU.
Molti popolli antichi ne parlano, tra cui quello degli Hopi. Loro lo chiamavano il distruttore ed il suo arrivo era annunciato da un messaggero, un astro blu.
Guarda caso la Cometa ISON aveva assunto una bellissima colorazione blu.
Insomma, la fine del mondo prima o poi avverrà. Può essere oggi, domani, o più probabilmente tra qualche miliardo di anni, quando il nostro Sole si espanderà sino a lambire l’orbita del Pianeta Terra.
C.L.

© Copyright: Ufosullarete.it. La riproduzione dell'articolo è consentita esclusivamente secondo i termini di utilizzo



Related posts

coded by nessus

About the Author


Comments are closed.

Iscriviti alla Newsletter


LIBRI PER APPASSIONATI DI MISTERI

banner_ison-200x200











Disponibile su Amazon, IBS e nei migliori store online
banner_ison-300x300











Disponibile su Amazon, IBS e nei migliori store online
banner_ison-200x200











Disponibile solamente contattando l'Autore.

EBOOK GRATUITO CONCORSO UFOSULLARETE

banner_ison-200x200











Scaricalo gratis da qui QUI

Chi c'é online

0 visitatori online